Ricerca nel sito


Articoli

Una Memoria Emotiva

Abbiamo una “memoria emotiva”?

I nostri ricordi sono composti anche di emozioni le quali, a loro volta, generano un fiume di pensieri che influenzerà il nostro modo di sentire e prendere decisioni. Lo hanno appurato il dr. Benedetto Sacchetti e la Dr.ssa Tiziana Sacco dell’Istituto Nazionale di Neuroscienze di Torino, i quali hanno evidenziato come alcune aree del nostro cervello richiamino alla memoria le emozioni legate a un episodio importante del passato. Tale “memoria emotiva” sarebbe conservata nella corteccia sensoriale di ordine superiore che è fisicamente legata alle aree del nostro cervello che elaborano gli stimoli sensoriali e le emozioni. Quindi, uno stimolo sensoriale (visivo, uditivo, olfattivo) non solo riattiva il ricordo di un’esperienza passata, ma anche il vissuto emotivo che l’ha accompagnata. Pertanto i ricordi dotati di pregnanza emotiva tendono a perdurare nel tempo, a volta anche tutta una vita, e influenzano così le nostre scelte, decisioni e comportamenti. Questa ricerca potrebbe portare a trovare nuovi modi per elaborare esperienze dolorose e per distaccarsi da tale vissuto emotivo, il dr Sacchetti mette però in guardia sui possibili risvolti poco etici di ciò, come l’alterare il ricordo di una vittima di reato che deve prestare testimonianza su quanto le è accaduto o addirittura la possibilità di perdere delle memorie storiche come l’Olocausto. 

Perseguitati dai dubbi

Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio, così diceva Bertolt Brecht e se questo è vero per tutti noi lo è ancor di più per chi soffre di Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC). Queste persone, costantemente attanagliate dall’incertezza e da una scarsa fiducia nella propria memoria si domandano più volte al giorno se hanno chiuso la macchina, se hanno spento il gas, se hanno mandato quella mail importante ecc…

Leggi tutto l'articolo

Disturbo bipolare e soppressione del pensiero

La maggior parte delle teorie cognitive pongono alla base dei disturbi dell’umore la presenza di scemi cognitivi negativi attraverso cui le persone interpretano e attribuiscono significati agli eventi.

Secondo Wenzlaff e Bates in soggetti con depressione maggiore tali schemi negativi, caratteristici delle fasi depressive, vengono soppressi attivamente...

Leggi tutto l'articolo

Sopravvivere al senso di colpa

Il senso di colpa è emozione che proviamo quando sentiamo di aver violato regole che riteniamo importanti o quando non siamo stati all'altezza di standard che ci eravamo prefissati. Ci sentiamo in colpa se pensiamo di aver sbagliato o che avremmo potuto e dovuto fare meglio.

Alcune persone tendono a sentirsi in colpa troppo spesso...

Dove ricevo


La dr.ssa Sabrina Cattaneo riceve su appuntamento presso il suo studio in Viale Rimembranze 62, 21047 Saronno. 

 

 

Contatti:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 3381307198

 

 

 

Vai alla mappa


Joomla Templates by Joomla51.com