Ricerca nel sito


Articoli

Disturbo bipolare e soppressione del pensiero

La maggior parte delle teorie cognitive pongono alla base dei disturbi dell’umore la presenza di scemi cognitivi negativi attraverso cui le persone interpretano e attribuiscono significati agli eventi.

Secondo Wenzlaff e Bates in soggetti con depressione maggiore tali schemi negativi, caratteristici delle fasi depressive, vengono soppressi attivamente in un processo di controllo mentale quando i sintomi depressivi sono in remissione. Per soppressione del pensiero si fa riferimento a un processo che consiste nel provare a smettere di pensare a determinati contenuti mentali (Wegner 1989)

Secondo la teoria del controllo mentale (Wegner & Wenzlaff, 1996) vi sono due sistemi che interagiscono tra loro: un sistema operativo intenzionale che cerca di promuovere stati emotivi desiderabili e di distogliere l'attenzione da materiale indesiderato e un sistema di monitoraggio che si occupa di cercare contenuti mentali che segnalino il fallimento del sistema operativo.

Quando le risorse cognitive diminuiscono il sistema operativo si indebolisce e prende il sopravvento il sistema di monitoraggio che ha l’effetto paradossale di portare a consapevolezza l’oggetto della propria ricerca, ovvero, i pensieri negativi e gli stati mentali non desiderati che il sistema operativo cercava di sopprimere.

Il Controllo mentale funziona quindi contro se stesso, portando alla mente proprio i contenuti mentali indesiderati.

Il funzionamento di tale meccanismo è stato ampiamente studiato all’interno di soggetti affetti da depressione che risultano piuttosto consapevoli dei loro tentativi di sopprimere pensieri negativi per mantenere un umore desiderabile o rimediare a un umore non desiderabile. Ancora poco invece si conosce circa il ruolo della soppressione del pensiero nei pazienti con disturbo bipolare.

Uno studio di Miklovitz et al. (2010) si è proposto di verificare se anche i soggetti affetti da disturbo bipolare tendono a sopprimere i pensieri negativi, come accade nei soggetti depressi, e se tale tendenza si estende anche a pensieri “iperpositivi” per verificare se anche la fase maniacale possa essere il risultato di un inefficace controllo mentale questa volta su pensieri eccessivamente positivi. Si è così visto che quando un carico cognitivo interferisce con il controllo mentale i pazienti bipolari, come i depressi, sono più facilmente soggetti a un bias cognitivo negativo rispetto alla maggior parte delle persone. Il bias negativo osservato potrebbe quindi essere il risultato di un controllo mentale inefficace, anche se i risultati sembrano in parte dipendere dalla presenza di alcuni sintomi depressivi. Non è semplice infatti attuare studi su soggetti bipolari in quanto difficilmente la loro sintomatolofgia, soprattutto depressiva. si trova in completa remissione.

Rispetto alla soppressione di pensieri iperpositivi si osserva che, sebbene i soggetti  bipolari riferiscano un maggior uso delle soppressione del pensiero anche in quest’ambito non vi sono dati significativi al riguardo.

Miklowitz et al. suggeriscono che ricerche future dovrebbero esaminare se la soppressione di pensieri negativi tra soggetti con disturbo bipolare sia effettivamente dovuta a un inefficace controllo mentale o è piuttosto attribuibile a un più generale bias attentivo o mnestico.

 

Bibliografia

Miklowitz, D.J., Alatiq, Y., Geddes, J.R., Goodwin, G.M., Williams, J.M. (2010). Thought suppression in patients with bipolar disorder. Journal of abnormal psychology, 119 (2), 355-365.

Wegner, D.M. (1994). Ironic processes of mental control. Psychological Review, 101, 34–52.

Wenzlaff, R.M., & Bates, D.E. (1998). Unmasking a cognitive vulnerability to depression: How lapses in mental control reveal depressive thinking. Journal of Personality and Social Psychology, 75, 1559–1571.

Perseguitati dai dubbi

Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio, così diceva Bertolt Brecht e se questo è vero per tutti noi lo è ancor di più per chi soffre di Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC). Queste persone, costantemente attanagliate dall’incertezza e da una scarsa fiducia nella propria memoria si domandano più volte al giorno se hanno chiuso la macchina, se hanno spento il gas, se hanno mandato quella mail importante ecc…

Leggi tutto l'articolo

Disturbo bipolare e soppressione del pensiero

La maggior parte delle teorie cognitive pongono alla base dei disturbi dell’umore la presenza di scemi cognitivi negativi attraverso cui le persone interpretano e attribuiscono significati agli eventi.

Secondo Wenzlaff e Bates in soggetti con depressione maggiore tali schemi negativi, caratteristici delle fasi depressive, vengono soppressi attivamente...

Leggi tutto l'articolo

Sopravvivere al senso di colpa

Il senso di colpa è emozione che proviamo quando sentiamo di aver violato regole che riteniamo importanti o quando non siamo stati all'altezza di standard che ci eravamo prefissati. Ci sentiamo in colpa se pensiamo di aver sbagliato o che avremmo potuto e dovuto fare meglio.

Alcune persone tendono a sentirsi in colpa troppo spesso...

Dove ricevo


La dr.ssa Sabrina Cattaneo riceve su appuntamento presso il suo studio in Viale Rimembranze 62, 21047 Saronno. 

 

 

Contatti:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 3381307198

 

 

 

Vai alla mappa


Joomla Templates by Joomla51.com