Ricerca nel sito


Articoli

Lo stress da divorzio

stress post divorzioChe cos'è lo stress post-divorzio?

Lo stress post-divorzio è un insieme di sintomi fisici e psicologici che si presentano nelle persone divorziate in modo abbastanza stabile da poter iniziare parlare di "sindrome specifica". In parte sovrapponibile al PTSD (dsturbo post-traumatico da stress), la sindrome da divorzio si differenzia però per diversi aspetti, fra cui - sembrerebbe da piu articoli –spicca particolarmente il significativo "deterioramento" delle condizioni di salute nei successivi 15anni.

 

Quante persone ne soffrono in Italia (se avete anche dati sul numero di divorziati e separati all'anno in Italia è meglio) ?

Non esistono statistiche specifiche, perché lo studio è stato pubblicato di recente. Per dare qualche cifra, si può comunque dire che nella popolazione generale, secondo le statistiche, l’8% degli individui soffrono di PTSD e che non si può escludere una parte delle persone incluse in questa statistica siano in realtà affette in realtà affette - piu nello specifico - da questa sindrome.

 

Quali sono le cause?

Le cause dello "stress prolungato" che genera poi la sindrome pare si differenzino fra uomini e donne: per le donne le cause principali sono la perdita di status e l'insicurezza economica, mentre per li uomini sembra essere la difficoltà a ritrovare equilibrio stabile, ovvero la tendenza a cercare in vano nuovi equilibri affettivi e - in generale nell'organizzazione della vita dopo il divorzio.

 

Quali i sintomi principali?

I principali sintomi emotivi, cognitivi e comportamentali sono:

-      agitazione, irrequietezza e tensioni muscolari

-      sensazione di impotenza e mancanza di speranza

-      facile irritabilità che può portare ad aggressività,

-      labilità emotiva e facilità al pianto,

-      ritiro sociale

-      difficoltà nell’addormentamento o sonno interrotto

-      emozioni frequenti di rabbia, tristezza e ansia,

-      pensiero catastrofico

-      rimuginio mentale

-      sensazione che si sta per cadere a pezzi

-      visione negativa di se stessi,

-      difficoltà di concentrazione e facile distraibilità con ripercussioni anche sulla memoria a breve termine

-      difficoltà nel prendere decisioni

 

Se non curato, cosa può comportare?

Spesso le situazioni di stress portano a slatentizzare predisposizioni sottostanti soprattutto a disturbi d’ansia e dell’umore. È frequente infatti riscontrare problemi di ansia generalizzata, attacchi di panico o episodi depressivi anche di una certa rilevanza.

Le situazioni stressogene inoltre influiscono notevolmente anche sulla condizioni fisiche colpendo in particolar modo il sistema immunitario, endocrino e cardiocircolatorio conducendo alla formazione di sintomi organici.

 

Quali sono gli accorgimenti da adottare, in una situazione psicofisica del genere, per salvaguardarsi?

La gestione di questi problemi è in genere piuttosto complessa in quanto le pensieri ed emozioni affollano nella mente della persona che si sente completamente travolta dai propri sentimenti.

Il passo più importante è riconoscere le proprie emozioni e comprendere quale bisogno frustrato le ha generate. La consapevolezza di cosa ci sta accadendo in quel momento è il modo migliore per non agire sull’onda emotiva ma riprendere un controllo su noi stessi. Spesso per far questo può essere necessario parlare con un esperto. È importante ricordare che le emozioni negative a fronte di una situazione spiacevole sono inevitabili, non possiamo eliminarle ma dobbiamo accoglierle. Cercare di respingerle ci procurerà solo altro dolore e altro stress.

Buoni accorgimenti per fronteggiare lo stress sono

-      Svolgere regolare esercizio fisico per alleviare ansia rabbia e tensioni

-      Intraprendere attività piacevoli come leggere un libro

-      Affrontare un solo problema per volta concentrando le nostre energie su ciò che è in nostro potere

-      Accettare che non possiamo avere il pieno controllo della situazione perché non tutto dipende da noi

-      Non prendere decisioni in modo impulsivo, ma riflettere analizzando pro e contro

-      Non isolarsi socialmente,

 

 

 

 

 

Perseguitati dai dubbi

Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio, così diceva Bertolt Brecht e se questo è vero per tutti noi lo è ancor di più per chi soffre di Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC). Queste persone, costantemente attanagliate dall’incertezza e da una scarsa fiducia nella propria memoria si domandano più volte al giorno se hanno chiuso la macchina, se hanno spento il gas, se hanno mandato quella mail importante ecc…

Leggi tutto l'articolo

Disturbo bipolare e soppressione del pensiero

La maggior parte delle teorie cognitive pongono alla base dei disturbi dell’umore la presenza di scemi cognitivi negativi attraverso cui le persone interpretano e attribuiscono significati agli eventi.

Secondo Wenzlaff e Bates in soggetti con depressione maggiore tali schemi negativi, caratteristici delle fasi depressive, vengono soppressi attivamente...

Leggi tutto l'articolo

Sopravvivere al senso di colpa

Il senso di colpa è emozione che proviamo quando sentiamo di aver violato regole che riteniamo importanti o quando non siamo stati all'altezza di standard che ci eravamo prefissati. Ci sentiamo in colpa se pensiamo di aver sbagliato o che avremmo potuto e dovuto fare meglio.

Alcune persone tendono a sentirsi in colpa troppo spesso...

Dove ricevo


La dr.ssa Sabrina Cattaneo riceve su appuntamento presso il suo studio in Viale Rimembranze 62, 21047 Saronno. 

 

 

Contatti:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 3381307198

 

 

 

Vai alla mappa


Joomla Templates by Joomla51.com